Petralia Sottana

“Il governo regionale e l’Asp di Palermo tornino indietro sui loro passi. All’Ospedale di Petralia Sottana non ci sono le condizioni per farlo operare come Covid Hospital.
Da ieri sera alla 20, l’Ospedale Madonna dell’Alto di Petralia Sottana ospita i primi pazienti covid positivi, assistiti e curati al terzo piano della struttura.
In merito alle notizie circolate sui social in questi giorni, relative ad una possibile decisione del Vescovo di Cefalù, mons. Giuseppe Marciante, di porre fine al servizio di Parroco di don Santino Scileppi presso la Parrocchia Madonna delle Nevi,
Il 15 ottobre si è insediato ufficialmente il nuovo prestigioso componente, esperto in archeologia, del Comitato Tecnico Scientifico del Museo Civico Antonio Collisani di Petralia Sottana.
Sarà presentato domenica 18 ottobre alle ore 16,00 nella Chiesa Madre di Petralia Sottana il libro “Nobilis in strumenta”. Suppellettili liturgiche, ex voto e parati sacri nelle chiese di Petralia Sottana, curato da Salvatore Anselmo, Rosalia Francesca Margiotta e Maurizio Vitella.
Un paziente ricoverato all’Ospedale Madonna dell’Alto di Petralia Sottana è risultato positivo al terzo tampone effettuato.
Camminare e scoprire luoghi e persone, promuovendo per esempio non solo le antiche vie Franchigene della Sicilia, ma anche altri cammini storici presenti nel territorio.

Notte bianca del cinema a Petralia Sottana

Domenica, 26 Luglio 2020 09:05 Scritto da
A Petralia Sottana, nel cuore del Parco delle Madonie, l’8 agosto si svolgerà la “Notte bianca del cinema”, giunto alla terza edizione, organizzata da Grifeoeventi e dal Comune, che interesserà non solo il Cine Teatro Grifeo ma anche numerosi scorci di Petralia Sottana.
Un'inchiesta a tratti senza precedenti quella condotta negli ultimi sei mesi dalla Procura della Repubblica di Piacenza e che ha travolto la caserma “Levante”. È la prima volta in Italia che una caserma viene messa sotto sequestro.
Il reparto di Laboratorio di analisi dell'Ospedale di Petralia Sottana viene smantellato e ridotto a centro prelievo. Una scelta immediatamente contestata da “Uniti per le Madonie” e dal “Coordinamento Cittadinanzattiva Madonie,