Caccamo

Quando si fa riferimento alla città di Caccamo, il pensiero va subito al celebre castello ma anche ad uno dei santi siciliani che combatterono in Terra Santa e morirono per difendere la fede ma sopratutto i pellegrini che vi si recavano per pregare sui luoghi santi dei cristiani.
Era il 31 luglio quando il sindaco di Caccamo, Nicasio Di Cola con un lungo post sul suo profilo Facebook aveva annunciato le dimissioni da sindaco del borgo medievale, perché secondo quanto scritto dallo stesso sindaco,
Uno scrigno traboccante di tesori. Un coagulo di secoli di storia fatta di emergenze architettoniche, artistiche, antropologiche e gastronomiche.
Il Presidente dell’Unione Pietro Macaluso e tutti i sindaci esprimono la loro solidarietà al sindaco di Caccamo Nicasio Di Cola per le sue dimissioni.
È arrivata nella serata di ieri 30 luglio la notizia delle dimissioni del sindaco di Caccamo, Nicasio Di Cola eletto nel 2017 con il 40,98% dei voti sfidandosi con Salvatore Comparetto e Angela Sclafani.
Si svolgerà a Caccamo, presso la Sala Prades del Castello, nella giornata del 30 luglio 2020, dalle 09.00 alle 13.00, un workshop dal titolo: “Europe on the Road: Ripartiamo dal basso”.
Qualche giorno fa dopo alcune incertezze in merito ad un sospetto caso di contagio, il sindaco di Caccamo, il dott. Dicasio Di Cola aveva avvisato
Già nel pomeriggio di ieri lo stesso sindaco di Caccamo, il dott. Nicasio Di Cola aveva annunciato alla sua comunità la presenza di

Coronavirus: c'è un caso sospetto a Caccamo

Martedì, 24 Marzo 2020 15:51 Scritto da
Dopo i primi casi accertati a Lascari, Termini Imerese, Cefalù, Gangi e Campofelice di Roccella, ora potrebbe esserci un nuovo caso a
Il Sindaco Nicasio Di Cola ha nominato Giovanni Aglialoro Ambasciatore del turismo della città di Caccamo.