Caccamo

Avevamo ricevuto diverse segnalazioni di persone che avevano visitato il sito ufficiale del Comune di Caccamo e notato che era fermo al 2019. Abbiamo controllato pure noi, e diverse volte, ed in effetti era cosi.
Il sito di un Comune non è un passatempo degli impiegati del Municipio che magari ogni tanto aggiungono qualche notizia on line, ma è l’organo ufficiale di quella comunità che deve riportare tutti, e sottolineiamo tutti, gli atti compiuti dall’Amministrazione e non solo.
Il Tribunale di Palermo, Sezione Misure di Prevenzione, su richiesta della locale Procura della Repubblica, ha emesso un provvedimento di sequestro di un immobile e pertinenti posti auto,
Erano mesi che fortunatamente non si registravano casi di contagio a Caccamo, da quando in pratica l'intera Italia era in lockdown.
Quando si fa riferimento alla città di Caccamo, il pensiero va subito al celebre castello ma anche ad uno dei santi siciliani che combatterono in Terra Santa e morirono per difendere la fede ma sopratutto i pellegrini che vi si recavano per pregare sui luoghi santi dei cristiani.
Era il 31 luglio quando il sindaco di Caccamo, Nicasio Di Cola con un lungo post sul suo profilo Facebook aveva annunciato le dimissioni da sindaco del borgo medievale, perché secondo quanto scritto dallo stesso sindaco,
Uno scrigno traboccante di tesori. Un coagulo di secoli di storia fatta di emergenze architettoniche, artistiche, antropologiche e gastronomiche.
Il Presidente dell’Unione Pietro Macaluso e tutti i sindaci esprimono la loro solidarietà al sindaco di Caccamo Nicasio Di Cola per le sue dimissioni.
È arrivata nella serata di ieri 30 luglio la notizia delle dimissioni del sindaco di Caccamo, Nicasio Di Cola eletto nel 2017 con il 40,98% dei voti sfidandosi con Salvatore Comparetto e Angela Sclafani.
Si svolgerà a Caccamo, presso la Sala Prades del Castello, nella giornata del 30 luglio 2020, dalle 09.00 alle 13.00, un workshop dal titolo: “Europe on the Road: Ripartiamo dal basso”.