Termini Imerese, “Pace Perpetua” iniziativa dell’ANPI contro la guerra

Giovedì, 02 Giugno 2022 20:44 Scritto da  Pubblicato in Dillo a Espero
Vota questo articolo
(0 Voti)

Riceviamo dalla Sezione ANPI Girolamo Li Causi di Termini Imerese, a seguito delle celebrazioni della Festa della Repubblica,

una riflessione sulla pace e le scelte dell’Italia sulla guerra in Ucraina che volentieri pubblichiamo.

La Sezione ANPI Girolamo Li Causi di Termini Imerese, in occasione delle celebrazioni della Festa della  Repubblica, esprime la propria  adesione di partecipazione. Queste commemorazioni  costituiscono un momento di rappresentazione unitaria di tutte le forze democratiche  e sono utili per tenere forte la memoria della resistenza  al nazifascismo e della  entrata in vigore della nostra Costituzione.
Oggi, in un momento  delicato della storia dell’umanità, esse costituiscono  un stimolo alla riflessione sui pericoli che corrono tutti i popoli del mondo sotto la minaccia della guerra  nucleare e della distruzione atomica.
A parere della nostra  sezione, la consapevolezza della gravità di questi pericoli non è  ancora sufficiente. Infatti molte forze politiche italiane e lo stesso governo del paese hanno perso finora la opportunità  di collocarsi, a fianco del popolo Ucraino, per una incessante iniziativa di pace  senza la proliferazione dell’uso delle armi e la estensione della guerra.
I fatti hanno già dimostrato abbondantemente come la politica muscolare di rafforzamento militare voluta dagli Stati  Uniti non sia stata efficace  per  l’affermazione delle ragioni della pace e per salvare la vita di milioni di bambini, donne e cittadini inermi della Ucraina.
La guerra oggi rischia di estendere i suoi effetti di crisi e di morte in tutto  il mondo  tranne che negli Stati Uniti d’America. In Italia stiamo già scontando una crisi economica gravissima che determina maggiore disoccupazione, perdita  del potere di acquisto dei salari e prospettive incerte  in tutti i campi.
Putin dovrebbe essere processato per i crimini di guerra perpetrati e per la barbara invasione della Ucraina! Ma, nello stesso tempo, la pace dovrebbe essere difesa sempre in qualsiasi parte del mondo, sia che si tratti dell’Ucraina o della Palestina, dell’Iraq o della  Libia.
Le celebrazioni del 2 giugno dovrebbero dunque assumere in tutta Italia  questa fondamentale caratteristica di principio volto ad affermare il  ripudio della guerra che costituisce fondamento della nostra Costituzione e giustifica la stessa esistenza delle nostre Istituzioni.
Il pericolo della guerra oggi si esprime con le forme più gravi dell’ invasione e dell’annessione di parte di territorio di stati sovrani, ma in Italia, si esprime anche  con il controllo di  interi territori da parte della criminalità organizzata e può anche essere determinato dalle  tendenze sovraniste  del nuovo e del vecchio razzismo. Le modalità con le quali si manifestano questi fenomeni  hanno la necessità di essere contrastate da una mobilitazione unitaria  che bandisca ogni settarismo e che sostenga a tutti i  livelli, specie da parte delle Istituzioni, tutte le forze democratiche e rappresentative che operano realmente per una politica  di pace.
E’ pertanto poco comprensibile come la importante manifestazione odierna indetta dalla Amministrazione Comunale di Termini imerese sia stata organizzata senza il coinvolgimento delle forze principali che a Termini Imerese si impegnano  per la pace quali La Sezione della ANPI, cui è pervenuto un invito tardivo e non intestato, la CGIL o L’AUSER.
Per parte nostra ci rivolgiamo alla Amministrazione comunale e al Consiglio Comunale di Termini Imerese perché si esprimano  formalmente contro l’invio di armi in Ucraina e per rafforzare il ruolo della diplomazia italiana al  fine di far maturare in Europa una reale politica di Pace, contro la morte di milioni di persone e contro la fame.
L’ANPI su queste basi, ha contribuito  a coinvolgere  gli studenti delle scuole medie superiori della città in occasione della celebrazione del 25 aprile di quest’anno. Ora intende promuovere il rafforzamento di una maggiore coscienza verso la pace attraverso  la prossima manifestazione pubblica di mobilitazione e approfondimento  che si svolgerà nei prossimi Giorni  dal Titolo “Pace Perpetua”, cui chiamiamo a partecipare sin da ora l’Amministrazione Comunale, il Consiglio comunale e le forze democratiche della città.
Sezione ANPI G. Li Causi Termini  Imerese

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.