Mafia, sedici anni fa l’arresto di Bernardo Provenzano. Sindaco di Corleone: oggi viviamo nel segno di una speranza rinata

Lunedì, 11 Aprile 2022 23:15 Scritto da  Pubblicato in Area metropolitana
Vota questo articolo
(0 Voti)

L’11 aprile 2006 è una data da ricordare poiché, dopo quarantatré anni di latitanza veniva arrestato Bernardo Provenzano, l’ultimo capomafia corleonese.

“Quel giorno – afferma il sindaco di Corleone Nicolò Nicolosi (nella foto sotto) – mi sono sentito fortunato e insieme orgoglioso. Fortunato, perché da sindaco di Corleone avevo potuto gioire insieme alla grande maggioranza dei corleonesi per la fine della lunga latitanza di Provenzano. Orgoglioso, perché quante più volte da me sostenuto nei pubblici comizi - ossia che la mafia, almeno come noi l’abbiamo conosciuta, violenta, arrogante, stragista stava per essere sconfitta – trovava conferma nell’arresto di Provenzano, la cui lunga latitanza sembrava dar ragione a quanti sostenevano che Cosa nostra fosse invincibile. Da quel giorno – aggiunge Nicolosi - prima nei ragazzi e poi nelle persone più anziane, ho letto, guardandone il viso e gli occhi, sprigionarsi una luce sempre più viva. Era ed è il segno di una speranza rinata, il frutto di una ritrovata libertà. Speranza e libertà – conclude il sindaco di Corleone - che ognuno di noi ha il dovere di alimentare perché i prossimi anni, i prossimi decenni siano per Corleone, per i corleonesi e per tutti i siciliani, anni di progresso, crescita e sviluppo economico. Anni da vivere in libertà e per la libertà”.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.