Madonie, contributi alle organizzazioni No Profit per strutture socio assistenziali

Giovedì, 21 Ottobre 2021 03:08 Scritto da  Pubblicato in Madonie
Vota questo articolo
(0 Voti)

In arrivo nuove opportunità per le organizzazioni del terzo settore No Profit delle Madonie. A breve sarà pubblicato nella GURS l’avviso pubblico relativo alle strutture socio-assistenziali per l’accoglienza.

L’opportunità rientra nella Strategia Nazionale Aree Interne (SNAI) e riguarda la rete territoriale dei servizi di cura alle persone e di recupero delle fragilità giovanili “Madonie in salute”.
A darne notizia è il presidente dell’Unione Madonie Pietro Macaluso e il coordinatore tecnico della SNAI Alessandro Ficile che prevedono di poter realizzare almeno sei progetti.
La tipologia delle strutture agevolabili riguarderà le strutture per i servizi socio-assistenziali di accoglienza sia di minori, oggetto di provvedimenti restrittivi di natura civile e penale, che di inabili fisici e psichici. Riguarderà altresì l’accoglienza di giovani e di adulti presso comunità alloggio residenziali o case protette con l’obiettivo di migliorare la qualità della vita dei soggetti presi in carico.
Gli aiuti saranno concessi nella forma di contributi in conto capitale, secondo la regola del de minimis, nella misura massima del 80% della spesa ritenuta ammissibile e fino ad un massimo di 200.000,00 euro. La dotazione finanziaria complessiva è pari a € 1.004.010.
Tra gli interventi ammissibili sono comprese le spese tecniche, opere civili e acquisto beni e forniture di macchinari, impianti, arredi ed attrezzature. I soggetti beneficiari dovranno dimostrare, all’atto della presentazione della proposta progettuale, di avere la titolarità o la disponibilità dell’immobile oggetto dell’intervento per un periodo di almeno sei anni a partire dalla data di presentazione della proposta progettuale.
Dalla pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Regione Sicilia le organizzazioni interessate avranno sessanta giorni di tempo per presentare i progetti esecutivi al Dipartimento regionale della Famiglia.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.