Estetista svolgeva abusivamente la professione e percepiva reddito di cittadinanza: denunciato alla Procura di Termini Imerese

Domenica, 17 Ottobre 2021 23:34 Scritto da  Pubblicato in Area metropolitana
Vota questo articolo
(0 Voti)
Nei giorni scorsi, nell’ambito del dispositivo di contrasto all’abusivismo commerciale disposto dal Comando Provinciale della Guardia di Finanza,
i militari della Compagnia di Bagheria, hanno individuato all’interno di una abitazione privata un centro estetico abusivo gestito da una donna risultata anche illecitamente beneficiaria del Reddito di Cittadinanza per un ammontare pari a 12.067,50 euro. In particolare, le Fiamme Gialle, a seguito di mirate attività di intelligence economico finanziaria, hanno constatato che la signora pubblicizzava sui social network il centro estetico che, all’atto dell’accesso, è risultato provvisto di lettini, lampade speciali, attrezzature per la manicure o per la ceretta, prodotti di bellezza esposti per la vendita e persino alcuni certificati attestanti la frequentazione di corsi da estetista affissi alle pareti. Dai successi accertamenti i militari, in stretta sinergia e collaborazione info-operativa con l’INPS, constatavano che la predetta risultava anche percettrice del reddito di cittadinanza. Pertanto, i militari hanno denunciato alla Procura della repubblica di Termini Imerese l’estetista abusiva anche per l’indebita percezione del reddito di cittadinanza. Nel contempo, sono state immediatamente avviate le operazioni di irrogazione delle sanzioni amministrative di revoca o decadenza del beneficio da parte dell’I.N.P.S., a cui spetta il recupero dell’importo indebitamente percepito pari a € 12.067,50. Inoltre, sono stati intrapresi i controlli finalizzati a constatare le violazioni di natura tributaria commessi per l’omessa dichiarazione dei redditi da lavoro autonomo che, per i soli anni 2020 e 2021, ammontano ad oltre 18.000 euro. Le Fiamme Gialle hanno inoltre provveduto alla segnalazione dell’attività abusiva al Comune di Ficarazzi – Ufficio Attività Produttive, per le violazioni della normativa dettata dalla L. 4 gennaio 1990, n. 1, che prevedono l’irrogazione di una sanzione che va da un minimo di € 250,00 ad un massimo di € 5.000,00. L’attività di servizio, conferma il ruolo di polizia economico-finanziaria affidato al Corpo della Guardia di Finanza, a contrasto delle illecite condotte di coloro i quali svolgono attività economiche in forma abusiva ed inoltre, accedendo indebitamente a prestazioni assistenziali erogate dallo Stato, sottraggono importanti risorse economiche destinate a favore di persone e famiglie che si trovano effettivamente in condizioni di disagio.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.