Gangi, inaugurato sportello di informazione e consulenza sulla fertilità

Sabato, 12 Giugno 2021 23:20 Scritto da  Pubblicato in Gangi
Vota questo articolo
(0 Voti)

A distanza di più di un anno quando la pandemia ha bloccato tutte le iniziative aperte al pubblico,

giovedì scorso si è tenuto a Gangi un convegno durante il quale è stato presentato il progetto "Tutela della Fertilità nell'ASP di Palermo e nelle Madonie" e la Rete Assistenziale dell'Infertilità Ospedaliera e Territoriale che si concretizza in ambulatori dedicati presso l'Ospedale Madonna dell'Alto e i Consultori Familiari.
Alla presenza del Sindaco F. P. Migliazzo e della sua Giunta, del Direttore Generale dell'ASP di Palermo dott.ssa D. Faraoni, il Vescovo Mons. G. Marciante ha benedetto lo Sportello per la Fertilità "Cerere", uno Sportello di informazione e consulenza sulla fertilità, sui processi fisiologici, sui fattori che la proteggono o la mettono a rischio e sui possibili percorsi di cura dell'infertilità, che ha sede a Gangi, presso il consultorio familiare.
L'attività di questo sportello sarà inserita nei Percorsi Diagnostico-Terapeutici dell'infertilità così come suggerito dalla Società scientifica SIRU rappresentata dal dott. A. Guglielmino e collaborerà sul territorio con specialisti qualificati del settore tra i quali il prof. A. Perino, il dott. M. Gulizzi, la dott. ssa R. Vena, il dott. G. Canzone, il dott. R. Billone e la dott. ssa A. Pane, in grado di intervenire su tutti i livelli di assistenza dell'infertilità.
Soddisfazione è stata espressa dal Sindaco Migliazzo: “continua un percorso virtuoso a Gangi e sulle Madonie in un settore così delicato ed essenziale per le famiglie e per la vita umana” e dal Direttore Generale dell’ASP di Palermo Faraoni: “L’occasione è stata propizia per fare il punto su tutte le iniziative che abbiamo intrapreso e che conducono all’ormai prossima operatività. Siamo convinti che il territorio madonita e le strutture sanitarie che ospita diventeranno un punto di riferimento nella cultura della fertilità per tanti. Sono grata al lavoro e al contributo offerto da tutti”.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.