Isnello rende omaggio alla memoria del suo partigiano Giovanni Ortoleva

Mercoledì, 10 Marzo 2021 00:11 Scritto da  Pubblicato in Isnello
Vota questo articolo
(0 Voti)

L'Amministrazione Comunale di Isnello ha reso omaggio alla memoria del partigiano isnellese Giovanni Ortoleva. Col nome di battaglia di “Jaccon” era diventato partigiano della XII Brigata Garibaldi “Nedo Pajetta”,

venne trucidato all'alba del 9 marzo 1945 nell'eccidio di Salussola (in provincia di Biella) insieme ai suoi compagni.
Questo giorno dedicato al ricordo di Jaccon, giovane eroe dal grande coraggio, dei suoi compagni e di tutte le vittime della lotta di Resistenza, rappresenta per Isnello anche la data ideale in cui ricordare tutti i Giusti dell'Umanità, la cui memoria è custodita e sta crescendo nel Giardino loro dedicato.
Una mattinata intensa, iniziata con la deposizione di un omaggio floreale al monumento funebre presso cui riposano le spoglie di Jaccon, alla presenza del Sindaco Marcello Catanzaro unitamente all'Assessore Anna Agostara, al mini Sindaco, ai rappresentanti delle Forze dell’Ordine e dell’ANPI, al parroco don Mimmo Sideli e ai familiari del partigiano.
Le celebrazioni, seppur svoltesi in maniera ristretta e non condivisa col pubblico date le contingenze del periodo, sono proseguite presso l'Aula Consiliare del Centro Sociale e hanno visto protagonisti gli alunni delle scuole primaria e secondaria di Isnello e Salussola uniti, in modalità "a distanza", nel ricordo di Jaccon e nella esaltazione dei valori propri della lotta di Resistenza.
Presenti al collegamento anche il Sindaco di Salussola Manuela Chioda, i Dirigenti Scolastici degli Istituti di Isnello e Salussola e i rispettivi insegnanti.
“Un momento commemorativo molto importante e significativo che ha voluto segnare l'inizio di un intenso e proficuo scambio culturale tra le due comunità di Isnello e Salussola, in vista dell'imminente formalizzazione di un gemellaggio culturale -  come dichiarato dal Sindaco di Isnello Marcello Catanzaro - La condivisione della memoria storica e l'inizio di una collaborazione attiva dagli stimolanti sviluppi tra le scuole di Isnello e Salussola ha idealmente unito il Nord e il Sud Italia, così come hanno saputo fare i partecipanti alla Resistenza che, liberando il nostro Paese dal nazifascismo, hanno gettato le fondamenta della nostra Repubblica democratica fondata sulla Costituzione”.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.