Petralia Sottana, don Santino Scileppi non è stato rimosso dalla Parrocchia Madonna delle Nevi: la Curia di Cefalù smentisce quanto scritto sui social

Martedì, 03 Novembre 2020 16:24 Scritto da  Pubblicato in Petralia Sottana
Vota questo articolo
(0 Voti)

In merito alle notizie circolate sui social in questi giorni, relative ad una possibile decisione del Vescovo di Cefalù, mons. Giuseppe Marciante, di porre fine al servizio di Parroco di don Santino Scileppi presso la Parrocchia Madonna delle Nevi,

situata nel territorio di Petralia Sottana, la Curia di Cefalù puntualizza che, allo stato attuale, non è stato di fatto preso alcun provvedimento in tal senso.
Nelle ultime nomine del Vescovo, pubblicate il 1 novembre don Scileppi è stato nominato Parroco della Parrocchia Santa Maria Maggiore in Geraci Siculo, nonché membro della Commissione preparatoria per il Sinodo diocesano, confermandogli stima e fiducia.
“Si precisa, comunque – scrive in una nota don Giuseppe Licciardi Pro Vicario Generale e Moderatore della Curia - che la fine di un mandato non coincide e non intende minimamente calpestare il servizio incondizionato, la passione e la costante e attenta cura pastorale del Parroco che è stato chiamato, quale collaboratore del Vescovo, a reggere una Comunità. Il Vescovo è consapevole dei legami di comunione e di affetto che si consolidano negli anni tra un Presbitero e il suo gregge. Si tratta di un servizio reso nella Vigna del Signore e nel nome del Signore. Va, infine, precisato che è compito del Vescovo, dopo un attento discernimento, stabilire nuovi percorsi pastorali che si legano in modo sinodale e solidale al cammino di tutta la Chiesa Cefaludense che è chiamato a guidare e servire. Tutto il Presbiterio diocesano esprime piena vicinanza e filiale solidarietà al Vescovo Giuseppe per i giudizi espressi sui social che recano discredito nei suoi confronti. Al confratello, il Rev.do Don Giuseppe Muré, Amministratore parrocchiale della Parrocchia Maria Santissima Assunta in Petralia Sottana, rivolgiamo l'incoraggiamento ad andare avanti con quella umiltà che lo contraddistingue”.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.