Archeologia. Torna alla luce l’antica strada romana che collegava Termini Imerese a Catania

Mercoledì, 16 Settembre 2020 09:17 Scritto da  Pubblicato in Termini Imerese
Vota questo articolo
(2 Voti)

Nuovi scavi archeologici hanno riportato alla luce una parte della principale e unica strada romana che collegava Termini Imerese e Catania, come attestano fonti itinerarie quali l’Itinerarium Antonini e la Tabula Peutingeriana.

Il tratto di strada romana Catina-Thermae è stato scoperto nei pressi di Caltavuturo. Il sensazionale rinvenimento, a cura della Soprintendenza dei Beni Culturali di Palermo, è stato casuale ed è avvenuto a seguito della ristrutturazione del metanodotto Gagliano-Termini. La massicciata rinvenuta segue il percorso della strada statale 120  intorno al chilometro 36 nei pressi di un’antica stazione di sosta risalente al II secolo d.C., in prossimità del sito della Fattoria romana di Pagliuzza, luogo di ritrovamento di denari in argento, custoditi oggi al museo di Caltavuturo, a dimostrazione degli antichi collegamenti e attività economiche esistenti nella nostra Isola. La rete viaria si estendeva dall'interno alla costa con diversi collegamenti voluti dai Romani interessati all'economia mediterranea con il trasporto della produzione cerealicola verso i porti e da motivi militari, conferendo alla nostra Terra una funzione strategica.
Maria Rosaria Sinatra

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.